Il restauro della cappelletta del Pennino

Rendersi conto in quale stato versa la cappelletta non è certamente cosa facile, fortunatamente per noi ci ha pensato un bedoniese, Giancarlo Moglia che si è preso a cuore l’iniziativa, insieme al Gruppo Alpini di Bedonia, di “mettere mano” alla costruzione per risanarla.

La cappelletta presa in esame è quella del Monte Penna, più precisamente quella posta sulla cima del “Pennino” a quota 1735 metri SLM; un luogo magnifico, dall’orizzonte infinito, da lì, nelle giornate terse, si intravede anche il mare Ligure, navi e isole comprese (Corsica o Elba).

Il motivo dell’ormai urgente risanamento del tempietto dipende da molte cause tra cui i fulmini abbattutisi sullo stesso, il tempo che inesorabilmente trascorre e l’incuria dell’uomo. Nelle fotografie è possibile notare la base di cemento che si sta sfaldando, la copertura del tetto danneggiata e la lapide marmorea con molte crepe. Le condizioni atmosferiche a cui sono sottoposte queste strutture, il caldo estivo e il gelo invernale, provocano forti dilatazioni tra i differenti materiali provocando continue crepe, abrasioni e rotture.

Ricordiamo che queste costruzioni religiose furono volute e costruite dai bedoniesi nel 1937 sotto la direzione morale del
Seminario e dell’allora Arciprete Mons. Paolo Checchi.
L’ultimo recupero, sempre a cura del “Gruppo Alpini Bedonia”, risale al 1992, ma aveva riguardato solamente la statua della Madonna di San Marco posta a lato; in quel caso fu necessario l’intervento di un elicottero per portare in quota i materiali più ingombranti, il resto fu trasportato a dorso di mulo.

I lavori previsti in questa nuova fase prevedono il riposizionamento del parafulmini, l’accomodamento del tetto e la collocazione di una nuova targa, a cura delle Associazioni Partigiane bedoniesi, in sostituzione di quella posata nel 1945 a ricordo di quei partigiani caduti durante la seconda guerra mondiale proprio su quelle “rocce”; colgo l’occasione per rimarcare un particolare che mi è saltato all’occhio, certamente non dovuto alle intemperie, ma al gesto di qualche idiota che cancellò/graffiò via la parola “Libertà” dalla frase che narra quanto era accaduto durante la guerra: probabilmente non sa quello che ha fatto, ha però oltraggiato il nome di quei tanti ragazzi che hanno sacrificato la vita per donargliela.

Foto: alcune fasi dei lavori



0 Commenti

Commenta

Somma e invia : 14 + 6 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Da 80 anni svetta dal monte Penna

Celebrato l'anniversario della posa della statua a protezione delle valli del Taro e del Ceno

Per Giannino

Ricordato il "Maestro" Giannino Agazzi a due anni dalla scomparsa

Sul Monte Penna dopo la nevicata

Una passeggiata con le ciaspole nel "Mondo di Narnia"

Una bella nevicata

Sul Penna, in panorama più unico che raro, con un manto nevoso di oltre 2,5 metri

Bedonia Bedonia, stazione di Bedoniaaa

Il progetto di una via ferroviaria alternativa per collegare l'Emilia Romagna con la Liguria

Giannino, maestro di vita

Insegnava non solo a scuola, ma è stato cultore delle più profonde tradizioni del nostro Appennino

Pennino: dal mare alle Alpi

79 anni dalla posa della statua in bronzo della Madonna di San Marco