post commenti
  • Isola di Pianosa: da Inferno a Paradiso

    L’isola di Pianosa è una sottile, lunga e solitaria linea in mezzo al Mar Tirreno e finché non ci sei a ridosso non riesci nemmeno a percepirla, il suo punto più alto è infatti di 25 metri e la superficie è di soli 10 km².
    Peculiarità che l’hanno resa a metà dell’800 un luogo ideale per costituirci la prima colonia penale agricola italiana. Sotto il piano naturalistico è stata questa la sua salvezza, infatti dal 1996 è stata destinata a Riserva Integrale del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano, ovvero: divieto di approdo, navigazione, pesca, immersioni fino ad un miglio dalla costa, mentre l’accesso e la balneazione sono autorizzati solo se accompagnati da guide.
    Pianosa è disabitata da quando nel 1997 il carcere è stato chiuso, da allora, oltre ai detenuti, hanno abbandonato l’isola anche le guardie, i loro familiari e i pochi civili che lì vivevano.
    Polizia Penitenziaria, Carabinieri, Guardie Forestali e un paio di civili sono gli abitanti che presidiano attualmente l’isola, oltre ad una ventina di detenuti in regime di semilibertà che si occupano della ristrutturazione di alcuni edifici e della gestione di un ristorante-bar.
    Senz’altro buoni propositi, ma in realtà è solo una goccia nel mare, le costruzioni sono tante e tutte di pregevole valore architettonico, ma si stanno sgretolando a vista d’occhio e la sensazione è di vederle svanire presto nel nulla. Un vero peccato perché la composizione di tutti gli edifici è ben curata, piacevole e ricca di spunti architettonici, una scelta attuata nel 1870 dall’allora direttore del carcere Leopoldo Ponticelli, persona innegabilmente lungimirante poiché volle rendere apprezzabile ai detenuti anche l'estetica degli edifici, una valutazione gradevole, almeno alla vista, di un luogo da molti definito "Inferno".
    La dismissione del carcere ha lasciato un vuoto enorme, forse incolmabile. Tra quelle vie deserte, tutte intitolate ai caduti per mano di mafia, si mormora che esistono diversi progetti per il recupero di Pianosa, ma dallo Stato nessun cenno, nessun programma fondato o fattibile. Fino ad ora si è concretizzata l’apertura dell’Albergo Milena, una piccola struttura d’accoglienza presso l’abitazione dell’ex Direttore del carcere, e la gestione di tutte le escursioni, sia di mare che di terra, affidata obbligatoriamente alle Guide Naturalistiche.
    Una certezza è anche l’Associazione per la difesa dell'Isola di Pianosa, costituita dopo la chiusura del carcere per la volontà di alcuni ex pianosini, il loro intento è quello di conservarne la memora storica, promuovere la rinascita e sensibilizzare la condizione del paese soggetto a frequenti crolli, tetto della chiesa compreso.
    Tra loro sono in molti a sperare che l’Ente Parco faccia valere la propria forza per salvaguardare queste stupende ricchezze paesaggistiche e architettoniche, un vero "Paradiso" della nostra tanto amata, quanto strampalata, Italia.

7 Commenti

  • Trilussa

    14/07/2014

    La condizione di questo paese/isola avrebbe richiesto subito una scelta coraggiosa tra Stato, Regione ed Ente Parco, solo una corrispondenza tra pubblico e privato la salverebbe da un destino già segnato e dato per certo. Un territorio specchio della nostra amata/odiata Italia.

  • Sante

    14/07/2014

    A giugno ci sono stato anche io....meravigliosa

  • Micol

    15/07/2014

    Grazie GG per questo altro comodo viaggio in prima classe con destinazione paradiso

  • Alberto Squeri

    15/07/2014

    Grazie Gigi, hai colmato una mia lacuna e incuriosito, non poco, grazie ad un servizio fotografico esaustivo ed affascinante............

  • Arturo Curà

    16/07/2014

    Mon chèr Gigì, credo che tra tutte le tue scorribande artistico/panoramiche questa sia la migliore con la capacità di poter raccontare la bellezza e, purtroppo, l'abbandono di un minuscolo paradiso un tempo vero inferno.
    Bravò, bravò, bravò.

  • Martino

    21/07/2014

    Segnalo un interessante articolo pubblicato sul Fatto Quotidiano a firma di Gianluca Foglia


    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/07/20/pianosa-quel-carcere-di-troppa-sicurezza-in-uno-stato-dabbandono1066246/1066246/
  • Donato

    22/07/2014

    Bell'articolo, la pura verita'! 45 miliardi spesi per ristrutturare Pianosa e l'Asinara e poi abbandonare tutto !

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 11 + 11 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com