Black Or White

Se nè andato un altro asso della musica. Michael Jackson o quello che rimaneva di quell'uomo nato cinquant'anni fa. Deterrà certamente, oltre ai vari record di vendite, l'unicità di essere nato nero e morto bianco.
La notizia l'ho appresa questa mattina da Corriere.it e la prima cosa che mi è venuta in mente, la stessa che ho poi riportato su FB, è stata: 'fondamentalmente eri un coglione, ma hai fatto della grande musica'.

Ricordo benissimo la prima volta che ascoltai 'Don't stop til you get enough'. Era il 1979, a Las Vegas, già di spalle a Fausto Moglia per sgolosare il mixer e i due piatti del DJ. Quella canzone era tratta dal suo primo album da solista: 'Of The Wall'. Fu immediatamente un vero successo ma nulla in confronto a 'Thriller', quando uscì nel 1982.

Ora spero solamente che lo lascino riposare in pace, almeno lì, e che nessuno escogiti la solita leggenda che Jackson non è morto, un pò come successe ad Elvis Presley, per sostenere che se la spassi vivo e vegeto nella sua Neverland, l'isola del suo emulo Peter Pan. Di lui voglio conservare solo un ricordo e sarà quello di ascoltarmi la sua musica, magari pensando a quello che è stato, ma solo musicalmente parlando (anche se sono convinto della sua estraneità a quanto gli è stato addebitato, essendo lui, a mio parere, solo una gallina dalle uova d'oro da poter spennare). Anzi lo faccio subito, con quella che ritengo sia la sua più bella canzone: 'Heal the world'.


0 Commenti

Commenta

Somma e invia : 6 + 14 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Cose di casa nostra

Prodotti locale eccellenti

Il paradiso dei pescatori

Il turismo ittico come ulteriore risorsa per sviluppare turisticamente l'Alta Valtaro

La prima notte di Edvige sul colle

Sono tanti i personaggi bedoniesi che rivivono attraverso questo simpatico racconto

La stanza del testo

In alcune località dell'Alta Valtaro, quelle poste a confine con la Toscana e la Liguria, viene ancora utilizzata un'antica tecnica di cottura, quella con il testo

L'amante di Caneso

La storia tra la duchessa Maria Luigia d'Austria e il locale capocaccia Giacomo Cavalli

Gianna "la Nuda"

Un ricordo di una delle tante turiste parmigiane che trascorrevano i mesi estivi a Bedonia