L'Ipsia di Bedonia

L'importanza strategica di questa scuola distaccata in Alta Val Taro
Finita la terza media, anch’io come altri, dovevo prendere una decisione per il futuro. Andare a Borgotaro era impegnativo, si doveva studiare di più e ci si doveva alzare due ore prima al mattino, non parliamo poi di Pontremoli o Parma.

Di questo ragionamento me ne pentii amaramente, ma allora ragionavo così. La mia scelta fu quella di “passare dove l’acqua era più bassa” e di facilitarmi l'ingresso al mondo del lavoro, fu così mi iscrissi agli “elettrici” presso l’istituto IPSIA di Bedonia. Se questa possibilità venisse meno sono certo che il paese ne risentirebbe sotto molto aspetti, partendo da quello culturale, lavorativo e per finire a quello, non certo di poco conto, economico.

Già allora, una trentina d’anni fa, si combatteva per avere il numero minimo degli iscritti nelle due sezioni. Ricordo benissimo quando si paventava un ridimensionamento indicato dalla sede centrale, così i professori si occupavano anche di reclutare ragazzi per le iscrizioni (anche tra i bocciati). Ricordo altresì lo spettro che aleggiava sulle nostre teste, la maggior parte degli iscritti si sarebbe infatti ritirata, Parma si presentava troppo lontana per frequentarla quotidianamente.

I problemi di allora sono gli stessi di oggi… questi stramaledettissimi costi, però la sopravvivenza c’è stata e la soddisfazione delle centinaia di studenti che si sono formati negli anni lo ha dimostrato, infatti non c’è artigiano in zona che non abbia frequentato un corso all’IPSIA.

Oggi, a differenza di allora, sono convinto che tali scelte si dimostrino puramente politiche, che a tirare i fili sulle sorti degli Istituti di Bedonia e Borgotaro siano i nostri amministratori, ovviamente uno a discapito dell’altro.
Quella in atto tra i due paesi, non mi stancherò mai di ripeterlo, è solo una guerra tra poveri, ricordiamocelo.


0 Commenti

Commenta

Somma e invia : 13 + 1 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

È nata un'altra stella

Una ragazza borgotarese è entrata alla corte dello chef francese Alain Ducasse

Cibo Criminale

L'incontro con Luca Ponzi in occasione dell'uscita del suo ultimo libro-inchiesta dedicato alle frodi alimentari

Ballo della scuola 2016

Una vera cerimonia che segnerà indelebilmente i ricordi degli studenti

Dalla sfilata al falò

La giornata conclusiva del carnevale a Bedonia è stata dedicata a Leonardo da Vinci e alle sue opere

UNA BORSA PER LA VITA

L'Istituto Zappa-Fermi dedica una simpatica raccolta fondi a favore della LILT

Il 41 bis allo Zappa-Fermi

Ora sembra più un istituto penitenziario che una scuola. Tagliata anche la vite americana

Il Carnevale in piazza: 35 anni dopo

Un traguardo importante per la manifestazione nata nel 1983, diventata oggi la più vivace e colorata della valle

Il carnevale bedoniese

La sfilata del "martedì grasso"con il falò conclusivo