Gli scatti di Michele Carpani

Alcune delle fotografie che seguiranno le ho trovate per caso, navigando in Internet, mi sembrava giusto dargli un ulteriore risalto. Il sito che le ospita è quello del “Nikon Club Italia”, spazio dedicato a coloro che “scattano” con una macchina fotografica Nikon.

Anche Michele Carpani ha una Nikon, da molto tempo, prima si dilettava con la “reflex” F3 a pellicola, mentre ora è passato ad una digitale (D2X). Michele lo conosco da molti anni e so che la passione della fotografia ce l’ha sempre avuta dentro, però in pochi sono riusciti a vedere alcuni dei suoi numerosi scatti, allora ho deciso di prendere la “palla al balzo” e l’ho convinto a consegnarmi altre sue fotografie, paesaggi tratti dai dintorni di Borgotaro, Albareto, Bedonia ed alcuni toscani.

Tutte le sue immagini trasmettono “silenzio” e “infinito”, ognuna di loro rappresenta un modo diverso di vedere e vivere le cose che ci stanno di fronte, come se fossero luoghi a noi sconosciuti, lontani dalla nostra realtà, invece sono lì, davanti ai nostri occhi, ogni giorno.

Divertirsi con le rappresentazioni quotidiane, con la normalità delle cose e scoprire in esse quel particolare che le rende speciali, trovarlo e, soprattutto, riuscire a trasmetterlo è la grande intuizione di Michele.
Una sorta di dialogo a voce bassa, sospeso, quasi in attesa che…

Le foto di Michele...



0 Commenti

Commenta

Somma e invia : 4 + 1 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Olga Squeri

Dal papà calzolaio bedoniese, alla Legion d'Onore francese

1957: intorno al campanile

Enrico "Giulio" Serpagli ritrova in un casetto delle sue immagini scattate a Bedonia nel 1957

Questa è SanPa, non quella di Netflix

Octavia mi ha raccontato quella che è diventata la loro storia, quella di un figlio e di una madre sull'orlo della vita

Ugo il meccanico

La storia dell'officina "Bernabò" di via Roma, condotta ininterrottamente per 56 anni

Lettere di emigranti bedoniesi

La vita reale di ogni nostro emigrante può essere rappresentata anche attraverso le lettere che ognuno di loro spediva e riceveva

Mio zio Pier Carlo

Un ricordo della pronipote Maria Vittoria dedicato allo zio-poeta Pier Carlo Ponzini