post commenti
  • Sole d'Agosto

    Doveva essere mattino presto. Fuori diluviava. Il vento sibilava e la pioggia batteva.
    Dopo aver aperto brevemente gli occhi gli ho richiusi. Li ho riaperti in campagna.
    Loro erano già lì, come se mi aspettassero, all'ombra di un salice. Faceva un gran caldo, era piena estate. Quel casale di pietra doveva essere molto vecchio, il portone principale mostrava dei chiodi in ferro, ribattuti e fatti a mano. L'ingresso era preceduto da vialetti in sassolini bianchi, rumorosi ai passi. Quando Andrea arrivò mise la moto sul cavalletto, si guardò intorno e non fece in tempo a suonare il campanello. Giulia lo vide, sorridendo gli andò incontro. Lei indossava un abito smanicato e leggero, lungo fino ai piedi, cremisi con fiorellini bianchi. Capelli neri, 'divisi' a metà, fin sopra le spalle. Gli fece strada e lui la seguì, in silenzio, fino all'interno. Da dietro notò le ossa sporgenti delle spalle. Era passato un pò di tempo dall'ultima volta che si erano incontrati.
    Gli interni erano ristrutturati con accurate finiture: muri bianchi, finestre in ferro, senza lampadari, tende di lino gonfiate dal vento. Gil Evans in sottofondo. Dentro la 'cornice' della grande finestra si vedeva il giardino e un salice verdissimo. Lei lo fece accomodare in una grande stanza, essenziale e luminosa. Là dentro c'era un letto appena rifatto, liscio e con lenzuola arancioni. Si sedette, stropicciandolo. Giulia non entrò. Dalla soglia disse solo 'rinfrescati, sarai accaldato'. Lui si girò istintivamente verso il bagno, ma quando si rigirò lei non c'era più. Siamo già alle solite pensò piano. Uscì dalla stanza con un accappatoio bianco e con aria distesa. Cercava di orientarsi, girò per i corridoi, stranito, non incontrò nessuno. Scese al piano di sotto. Una teiera brontolava sul gas acceso. Era la cucina. Ci passò attraverso ritrovandosi in giardino. Lì sentì i sassi scottare.
    Ritrovò Giulia sottobraccio ad una signora con i capelli bianchi, ben curata e vestita elegantemente. Sulla camicetta blu spiccava un cammeo. Capì che tra loro c'era intesa. Senza lasciare quel braccio lo presentò, sorridendo disse il suo nome di battesimo: 'Andrea', dopodichè proseguirono lentamente per il vialetto di sassolini bianchi. Andrea ritornò sui suoi passi, verso la stanza che gli era stata assegnata.
    La pala del ventilatore a soffitto roteava tagliando l'aria, da quanto girava sembrava staccarsi da un momento all'altro. Ora indossava una maglietta bianca e dei pantaloncini corti. I piedi rimasero nudi. In quel momento era solo e spaesato. Giulia non tardò ad arrivare si sedette sul letto accavallando le gambe. E' da quel momento che iniziò a parlare. Gli raccontò l'ultimo periodo della sua vita. In silenzio l'ascoltò, senza fare domande. Quasi scusandosi gli disse che ora stava con Paolo e che non poteva baciarlo. Lui sempre in silenzio intese, senza fare domande. Dopodichè si alzò di scatto, disse che doveva fare una telefonata urgente sparì di nuovo. Sempre alle solite, non c'è rimedio pensò piano. Andrea, in quel silenzio, ricevette a sua volta una telefonata sul cellulare, rispose 'proprio non posso, ora sono impegnato, magari domani'.
    Ritornò in giardino, faceva caldo, cercò l'ombra, la trovò sotto al salice. Voleva fumare, ma non aveva nulla con sè. Con una mano si aggrappò ai rami cadenti del salice. Inquieto. Sudata e trafelata ritornò. Come se non avesse mai interrotto il discorso lo riprese: 'sì c'è Paolo, ma sai che sono istintiva, avevo voglia di vederti e allora l'ho fatto'.
    Lo guardò negli occhi e gli strinse un braccio. Lui voleva replicare, capire, ma non riuscì a parlare. Lei continuò dicendogli che quella casa era bella, avevo tutto ciò che voleva, ci stava benissimo, ma che doveva lasciarla, non la sentiva sua. Andrea continuava a non capire. Non si stupì. Giulia la conosceva bene. Faceva molto caldo. Sole d'Agosto. Con il pollice gli asciugò una goccia di sudore sul labbro superiore. Gli rimase un pò di rossetto sul dito. Non si pulì. Capì che quel gesto le fece piacere, l'aveva notato dagli occhi, allora lo allungò spostandogli i capelli dalla fronte, altri dietro all'orecchio. Erano uno di fronte all'altro. In piedi. Due lunghe ombre sul prato. Le mani di Andrea erano strette ai polsi di Giulia. Forse riuscì persino a sentire quel battito ansioso. Con gli occhi socchiusi e in punta di piedi le si avvicinò al viso, piano gli disse 'adesso c'è Paolo', anche lui stava per aggiungere qualcosa lei gli posò la mano sulla bocca. Poco dopo, su quella strada, vicino a quel salice, passarono due ombre e una motocicletta.
    Doveva essere mattino presto. Fuori diluviava. Il vento sibilava e la pioggia batteva.

8 Commenti

  • Vita

    06/04/2007

    Ha il sapore di un ricordo...

  • un'amica

    06/04/2007

    Era da tanto che non leggevo qualcosa di così bello, bravo, complimenti ... quando vuoi, riesci a dar il massimo di te stesso .... ()

  • Katia

    06/04/2007

    anche a me è piaciuto molto questo sogno ad occhi aperti....quella goccia di sudore me la sentivo sul labbro e d'istinto l'ho asciugata.... BRAVO!!!!

  • Perunasolavolta

    08/04/2007

    C'è ansia, l'ansia di un amore mai finito e la speranza di poterlo riavere. Ma le persone cambiano ed è triste non potere ritrovare quell'intesa che ci aveva legati una volta tanto tempo fa, e che si è persa vivendo lontani vite parallele.

  • J&B

    10/04/2007

    L'uomo che non ascolta il suo desiderio primordiale si spegne. Hegel ci insegna che "se una storia è l'insieme dei desideri desiderati è una storia realizzata". Seguite sempre il cuore, non la razionalità.....

  • butterfly green

    11/04/2007

    Andrea non immagina neanche quante lacrime ha versato Giulia quando lui la scià per andare a studiare lontano...
    Andrea non sa del giuramento di Giulia a se stessa di non permettere mai più a nessuno di ferirla così profondamente...
    Andrea ha avuto la sua occasione e l'ha sprecata...non è poi così difficile ricordarsi che il cammino che percorriamo oggi è iniziato nei sentieri scelti ieri ...un pà di coraggio, a volte basta solo un pà di coraggio.

  • ciaosonorita

    13/04/2007

    Restare, separarsi, amare, arrendersi al proprio cuore, sentirsi responsabili, essere liberi..... A volte è tutto così fluido e concentrato che si riempie la paura con le parole. Bello essere silenti davanti al mistero che ti spinge ad essere sempre te stesso e sempre differente.
    Esistono poi, a volte, lunghi periodi della vita in cui accade che tutto quello che impera è la paura e allora il crepitio dei sassi bianchi o un temporale diventano ostacoli insormontabili. Sono periodi tristi, ma sono anche periodi in cui riconoscersi e riconoscere l'andrea della tua vita avendo il coraggio di rischiare di non vederla mai quella vespa giungere al tuo casale.
    A parte questo però fare un sogno così mi avrebbe reso inviso il risveglio lasciandomi in bocca per tutto il giorno il gusto di un "e poi" che solo un sogno futuro forse potrà svelare... Spero piova presto sul tuo tetto e risplenda di nuovo il sole nel tuo cuore.... così sapremo come è andata avanti.

    Se avete voglia di queste atmosfere e di questo tipo di prosa leggete i libri di stefania bertola....
    Ciao un bacio e un abbraccio a tutti.
    Ciaosonorita

  • Micol

    08/09/2014

    Meraviglioso GG! Questa mattina sono andata spulciare sul fondo del blog e ho letto questo racconto, mi era sfuggito ma non è mai troppo tardi per farti i complimenti

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 7 + 2 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com