post commenti
  • Colta la prima mela

    Il gesto del raccolto porta con sé un mistero ancestrale e ricco di significati, è infatti il momento concreto d'incontro tra la generosità della terra e la fatica dell’uomo. È Autunno, tempo di mele, il periodo adatto per capire come si è comportata la nostra piantagione.
    Non avevo mai visto un frutteto al primo anno dare cosi tanto frutto”, Francesco, l’anima della Fattoria della Carità, riassume così il primo raccolto di mele. Mi riferisco a quel terreno vicino al fiume Taro, a Bertorella, tra Borgotaro e Bedonia, dove la scorsa primavera è stato impiantato un meleto di 3.000 piante per poi proporre i frutti in cambio di denaro destinato alle missioni dell’Operazione Mato Grosso. Un’idea pensata per il nostro territorio come stimolo per coltivare la gratuità e il servizio a favore di chi più ha bisogno. Ora si può dire: il sogno è diventato realtà.

    Anche questa volta il campo sembrava un formicaio, anche se tra gli alberi non si muovevano formiche, ma persone, oltre cinquanta, da uno a sessant’anni, arrivate dalla Liguria, dalla Valtellina, da Vicenza, Reggio Emilia, Milano, Parma e naturalmente dalla nostra Valtaro, tutte coordinate dal gruppo di ragazzi locali, il vero motore della "Fattoria". Tutti lì con un solo obiettivo, cogliere le mele Golden, Brina e Renetta Rossa con il risultato finale di pesarne 125 quintali.
    È stato un bellissimo weekend, una festa ben riuscita, senza interessi personali, se non quelli di stare insieme, fare bene il lavoro e rispondere concretamente alla missione affidata.

    Questi ultimi dodici mesi ne sono stati la dimostrazione, il “Frutteto” è riuscito a sostenere le spese di gestione con l’autofinanziamento e con il lavoro dei ragazzi, un modo per non sottrarre nulla da quanto sarà ricavato. Ora le mele sono da vendere e come più volte detto tutto il ricavo totale della vendita andrà a favore delle missioni legate all'Operazione Mato Grosso in America latina. Dalla scorsa domenica i sacchetti di mele sono in vendita e si possono trovare davanti alle chiese di Borgotaro e Bedonia oppure su prenotazione (329.185.9471). Un detto africano recita: “Se le formiche si mettono d’accordo, possono spostare un elefante”.

4 Commenti

  • Michele S.

    04/10/2018

    Oltre al gesto e su quello non si discute devo dire che la qualità delle mele è ottima...sono già al secondo acquisto e ne sono rimasto piacevolmente colpito in positivo

  • Remo Ponzini

    04/10/2018

    Sono rimasto stupefatto nel leggere che tanti ragazzi provenissero da località così lontane. Ritenevo che fossero tutti della nostra vallata. Una vera sorpresa. Il tutto per svolgere, con gioia e generosità, un lavoro che va a beneficio di persone più sfortunate che abitano al di là dell'Atlantico.

    Poco tempo fa scrissi, su questo emerito blog, che le persone preferiscono criticare anzichè lodare. Spero che ora, dinnanzi a cotanta beltà, vengano contagiate da questa straordinaria nobiltà d'animo che non conosce confini. Questo ci fa capire che il mondo non è solo individualismo ed egoismo ma anche abnegazione, bontà, altruismo.
    Una speranza per il nostro futuro.

    Un ringraziamento super speciale alla famiglia Querzola che, oltre ad essere riuscita a trasformare terreni incolti in lussureggianti frutteti mostrando anche ottime capacità imprenditoriali, con questo gesto di magnanimità ci ha fatto capire che la nostra società può essere salvata se questi esempi si moltiplicheranno. Un plauso anche a quella schiera di ragazze/i che, oltre ad avere un cuore che pulsa dedizione, ci hanno anche dato una lezione di vita.

  • Anna

    04/10/2018

    Questo è autentico "attaccamento al territorio", questo è l'esempio di quanto la nostra terra ha da offrirci, questa é la prova che si può lavorare con entusiasmo anche senza avere un tornaconto personale, questi sono i valori che dovrebbero dare linfa alla nostra comunità: umiltà solidarietà e impegno concreto. Mi congratulo anche io con tutti coloro che hanno dato questo bel segnale di umanità... grazie.

  • Alberto Squeri

    05/10/2018

    Coinvolgimento a 360 gradi per una nobile causa: BRAVISSIMI

 

Commenta

Newsletter
Scrivi la somma dei due numeri e poi invia: 10 + 2 =
Accetto Non accetto

(*) Trattamento dei dati personali
Il form messo a disposizione sul sito ha il solo scopo di consentire ai visitatori del sito di publicare post, qualora lo desiderino. La presente informativa riguarda i dati personali inviati dall'utente visitatore al momento della compilazione del form. La informiamo del fatto che i dati che conferirà volontariamente tramite il form verranno tramutati in una email che eventualmente potrà essere conservata all'interno del sistema di ricezione di e-mail utilizzato dal titolare del sito.
Potrai cancellare i tuoi post inviando una tua mail all'indirizzo esvaso@gmail.com
Iscrivendoti alla NEWSLETTER riceverai le novità del sito e i nuovi post - Potrai cancellarti direttamente all'url www.esvaso.it/newsletter.php



Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com