post commenti
  • Tanti Saluti e Baci da Bedonia - III

    Con questa terza rassegna di cartoline, che ritraggono Bedonia nei primi decenni del 900, concludo il resoconto delle rappresentazioni bedoniesi attraverso “la Posta”. Le immagini che seguiranno  riproducono le primissime cartoline postali pubblicate a Bedonia, nelle quali sarà possibile osservare un paese che si stenta a riconoscere. Erano i tempi che queste andavano per la maggiore, l’affrancatura costava qualche centesimo in meno della tradizionale lettera e il retro era infatti occupato totalmente dalla scrittura. Sui francobolli iniziavano a comparire le prime diciture di regime: “vincere”, “tutto e tutti per la vittoria” o timbri del tipo “visto censura” e via via di questo passo.
    Molti di questi scenari sono legati al Seminario, non dimentichiamo che agli inizi del secolo era frequentato da centinaia di ragazzi, in gran parte provenienti dalle province limitrofe, quindi assidui fruitori di cartoline. Poi ve ne sono alcune ancor più curiose dato che ritraggono ville private di recente costruzione o funerali solenni, catafalco compreso, come ad esempio quello dell’Arciprete Raggi avvenuto nel 1913.

0 Commenti

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 8 + 10 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com